1.puoi chiedere il ricongiungimento con i tuoi familiari;

2.puoi entrare in Italia con i tuoi familiari al seguito.

1) Ricongiungimento con i familiari

Se sei titolare di carta di soggiorno o se sei titolare di permesso di soggiorno per lavoro subordinato, con durata non inferiore a un anno, per lavoro autonomo non occasionale, per studio o per motivi religiosi:
- puoi chiedere il ricongiungimento con:
a) il coniuge non legalmente separato;
b) i figli minori a carico;
c) i genitori a carico;
d) i parenti entro il terzo grado, a carico, inabili al lavoro.

Per il rilascio del nulla osta al ricongiungimento familiare, necessario per ottenere il relativo visto di ingresso, devi presentare apposita domanda alla Questura del TUO luogo di dimora.Tale domanda, corredata della documentazione prescritta in via generale, deve provare:

• la disponibilità di un alloggio, oppure, nel caso di un figlio minore degli anni 14 al seguito di uno dei genitori, del consenso del titolare dell’alloggio nel quale il minore abiterà;
• la disponibilità di un reddito annuo non inferiore all’importo annuo dell’assegno sociale se si chiede il ricongiungimento di un solo familiare, al doppio del medesimo importo se si chiede il ricongiungimento di due o tre familiari, al triplo se si chiede il ricongiungimento di quattro o più familiari.

La durata di questo tipo di permesso di soggiorno è la stessa di quello del familiare richiedente.

IL RINNOVO. Questo tipo di permesso di soggiorno è rinnovabile insieme con quello del familiare richiedente, se presenti, nei modi e nei termini prescritti, oltre alla documentazione necessaria in generale:

• stato di famiglia.
Se ti ricongiungi con un cittadino italiano o di uno Stato dell’Unione Europea, ovvero con straniero titolare di carta di soggiorno, ti è rilasciata una carta di soggiorno.


2) Ingresso in Italia con i familiari al seguito

Puoi entrare in Italia con i tuoi familiari in questi casi (sempre che sussistano i requisiti di alloggio e reddito):
- se sei titolare di carta di soggiorno;
- se sei titolare di un visto di ingresso per lavoro subordinato con durata non inferiore ad un anno, per lavoro autonomo non occasionale, per studio o per motivi religiosi.
Questo tipo di permesso consente ai tuoi familiari alcune opportunità: l’accesso ai servizi sanitari, l’iscrizione a corsi di studio o di formazione professionale, l’iscrizione nelle liste di collocamento, lo svolgimento di lavoro subordinato o autonomo.


MODULISTICA


- Modello S Richiesta nulla osta al Ricongiungimento Familiare.


Allegati al modello S


S1 Dichiarazione attestante il consenso ad ospitare il minore.

S2 Sussistenza del rapporto di lavoro.

- Modello T Richiesta nulla osta per ingresso dei famigliari al seguito.


Allegati al modello T


T1 Dichiarazione attestante il consenso ad ospitare il minore.

T 2 Dichiarazione attestante ad ospitare i ricongiunti.